La tua guida turistica personalizzata! Monte EtnaTeatro Greco, TaorminaAgrigento, Tempio della Concordia
versione inglese versione francese
top CHI SIAMO
top AREA AGENZIE

Richiedi il tuo preventivo gratuito su misura

HOME

VIAGGI PERSONALIZZATI

HOTEL

AGRITURISMO & BB

OFFERTE

info@insicilia.it

     

Polizzi Generosa

Veduta di Polizzi Generosa

Anche se le sue origini sono ignote, Polizzi Generosa è uno dei paesi più antico delle Modonie. Alcuni la identificano con l'Atene siciliana, altri sostengono che sia stata fondata dai Bizantini. Lo sviluppo si ebbe sia con i bizantini, i quali per difendersi dagli Arabi costruirono castelli e fortezze sulle alture e, per contrastare l'avanzata nella Val Demone  impiantarono una base strategica dove sorge l'odierna Polizzi, che con i Normanni, grazie al conte Ruggero e alla contessa Adelasia. Il gran Conte Ruggero, infatti, rafforzò il castello già esistente e ne costruì uno nuovo nelle vicinanze.

Dei due castelli oggi rimangono solo ruderi. Nel 1082 il conte Ruggero donò il castello di Polizzi alla nipote Adelasia che diete notevole impulso alla crescita della città. Nel 1234, l'Imperatore Federico II attribuì a Polizzi il titolo di "Generosa" perchè piacevolmente colpito dall'ospitalità dei polizzani durante un trasferimento da Palermo. 

L'imperatore decretò infatti che da quel giorno Polizzi si sarebbe dovuta chiamare Polizzi Generosa. Infine, le molte famiglie nobili che vi soggiornarono, e soprattutto la legge del maggiorasco, permisero il fiorire di una architettura clericale e la presenza di molti ordini religiosi. 

Polizzi Generosa custodisce un vasto patrimonio, sopratutto all'interno delle numerose chiese. Sicuramente l'opera di maggior pregio è il trittico fiammingo di autore ignoto del XV secolo collocato sull'altare maggiore della Chiesa Madre. Altre opere di grande valore sono: il sarcofago di S. Gandolfo, opera di Domenico Gagini e diverse tele dello Zoppo di Gangi. 

Oltre che per il suo patrimonio architettonico, Polizzi Generosa è conosciuta anche per lo "Sfoglio", un dolce inventato nel Seicento dalle monache benedettine del convento "Badia Vecchia", per festeggiare degnamente la ricorrenza del loro santo protettore "San Benedetto". Molte a Polizzi sono le pasticcerie che preparano lo "Sfoglio Polizzano" ma una sola detiene ancora la ricetta originale: la pasticceria "Al Castello" di Giuseppe Agliata

Lo "Sfoglio" è una torta con ripieno di formaggio fresco (tuma) grattugiato e mescolato con zucchero, cioccolata e cannella e avvolto da pasta frolla. Nel 1994, a Polizzi, nasce la giornata dello Sfoglio (ultima settimana di luglio), una vera sagra di questo caratteristico dolce, curata dall'Amministrazione Comunale, dalla Pro Loco e da tutti i pasticceri di Polizzi.

Chiesa San Giovanni Battista del Ponte. Commenda Magistrale dell'Ordine Gerosolimitano dei Cavalieri di Malta. Fondata da Ruggero dell'Aquila nel 1177.

Ex Collegio Gesuitico. Oggi Palazzo Comunale - Veduta dall'interno

Lo Sfoglio polizzano

Agrigento  |  Caltanissetta  |  Catania  |  Enna  |  Messina  |  Palermo  |  Ragusa  |  Siracusa  |  Trapani 

© 1999-2014  InSicilia - Insolita Travels T.O. - P.IVA/C.F. 03882380870 - All rights reserved  Informazioni legali, privacy e copyright